Diceva il conte Verri...

"La voce della verità comincia da lontano a farsi ascoltare, poi si moltiplicano le forze, e la opinione regina dell'universo sorride in prima, poi disputa, poi freme, poi ricorre alle arti, poi termina derisa: questo è il solito gradato passo che fa la ragione a fronte dell'opinione" (Pietro Verri)

domenica 12 febbraio 2012

ITINERARI ARTISTICI A BIASSONO


Mano ai pennelli! A 20 anni dalla fondazione del Gruppo Pittori Biassonesi, il nostro Comune non possiede ancora memoria pubblica tangibile di una delle sue realtà associative più dinamiche e originali. Le numerose mostre temporanee, organizzate per lo più in sala civica o all’interno di feste popolari, hanno sì aiutato a conoscere i talenti della scena locale, senza tuttavia lasciare traccia viva sul territorio.

Partendo da questa riflessione, Biassono in Progress ha lanciato un’idea accolta nei giorni scorsi dal Gruppo Pittori Biassonesi e che, nelle prossime settimane, cercherà di coinvolgere l’intera cittadinanza: individuare antiche edicole o spazi figurativi presenti in paese (nei cortili, nelle vie, sulle pareti domestiche, o su aree murate…), affinché siano recuperati attraverso le nuove opere degli artisti locali. Scene di storia biassonese. Ritratti di antichi personaggi che hanno vissuto fra i nostri confini. Rappresentazioni di antichi mestieri e tradizioni perdute. Ogni pittore potrà attingere ad un vasto immaginario che punti a rafforzare il senso d’identità storica della nostra comunità, impreziosendo gli spazi pubblici e privati con narrazioni leggibili e fruibili da qualsiasi visitatore del paese. 

Oltre alla preservazione del patrimonio culturale, le edicole del Gruppo Pittori Biassonesi formeranno nel tempo dei percorsi artistici di valore turistico, grazie ai quali agevolare l’afflusso di visitatori sul territorio e creare opportunità di nuovi contatti anche per il sofferente settore dei commercianti al dettaglio. Un’iniziativa che non punta solo a ridare vigore e riqualificare il centro storico tradizionale, ma a veicolare i flussi pedonali verso le altre aree d’insediamento, in una strategia di riacquisizione degli spazi urbani e, conseguentemente, di consolidamento della sicurezza pubblica.
 
Il fine è certo ambizioso, ma non impossibile, qualora l’iniziativa riesca ad essere supportata in modo corale.

Il primo passo riguarda la mappatura del territorio: chiunque sia a conoscenza di spazi idonei per ospitare un’opera artistica, dovrà segnalarli indicando le misure utili (ubicazione, altezza, larghezza, eventuale profondità). In tal senso, gli studi già effettuati dal Gruppo ricerche archeostoriche del Lambro e dal Fotoclub S. Andrea potranno fornire una prima carta d’orientamento.


Raccolti i dati, i pittori aderenti al progetto sceglieranno gli spazi più congeniali alle loro creazioni e inizieranno a lavorare sulle singole opere, le cui bozze verranno comunque presentate alla cittadinanza attraverso un’apposita mostra.

All’amministrazione comunale, o agli eventuali privati che vorranno sposare l’iniziativa, verrà chiesto di supportare l’iniziativa, predisponendo materialmente i siti individuati all’accoglienza delle opere in produzione (creazione di una base per l’inserimento delle raffigurazioni, apposizione di pannelli per la preservazione delle opere, inserimento di eventuali targhe segnaletiche, possibile installazione dell’impianto d’illuminazione…).

Una volta completata la fase di mappatura ed allestimento, le opere verranno posizionate per il Paese e pubblicamente promosse attraverso l’inaugurazione di un percorso guidato, che potrà oltretutto crescere e ramificarsi nel tempo (progetto museo all’aperto).

Se il Comune si farà carico del coordinamento dell’iniziativa (a tal fine, Lista per Biassono è pronta a proporla all’ordine del giorno in consiglio comunale), i cittadini potranno far riferimento a Villa Verri come referente per la raccolta dati. In attesa dell’eventuale espletamento delle fasi amministrative, la piattaforma di Biassono in Progress fungerà da recettore delle proposte cittadine. Parallelamente, verrà chiesto d’installare in Villa Verri una cassetta offerte per costituire una base del fondo utile a finanziare l’iniziativa.
L’obiettivo è di riuscire a giungere all’inaugurazione del percorso artistico di Biassono entro la primavera del 2013.

Alberto Caspani 

2 commenti:

  1. Complimenti a Biassono in Progress e sopratutto al Gruppo dei Pittori Biassonesi per l'ottima iniziativa.
    Bravi!
    Questo è un esempio di come si può fare un attività artistica/culturale a COSTO ZERO.
    Non si svende patrimonio pubblico ma anzi lo si valorizza grazie all'impegno dei nostri pittori supportato dall'amministrazione.
    Avanti cosi!
    Paci

    RispondiElimina
  2. Fabrizio Baccenetti15 febbraio 2012 02:24

    Visto che il Sindaco e la Giunta sostengono che l'opposizione non fà proposte concrete, vediamo come si comporteranno di fronte a questa.
    A meno che, anche stavolta, non sentano il "suono" di centro sociale anche in questa iniziativa.
    Se cosi fosse consigleremmo una visita medica specialistica dall'Otorino e se questa non risolvesse il problema non rimane che il Neurologo.
    Fabrizio Baccenetti

    RispondiElimina