Diceva il conte Verri...

"La voce della verità comincia da lontano a farsi ascoltare, poi si moltiplicano le forze, e la opinione regina dell'universo sorride in prima, poi disputa, poi freme, poi ricorre alle arti, poi termina derisa: questo è il solito gradato passo che fa la ragione a fronte dell'opinione" (Pietro Verri)

sabato 18 luglio 2015

FESTA DELLE CASCINE: QUASI UN RAVE PARTY

Vivere nei pressi della Chiesa di S. Francesco è diventato un inferno. Da cinque anni almeno, ogni luglio, la Festa delle Cascine trasforma gli spazi e i terreni della Parrocchia in un’enorme balera, finendo per investire le abitazioni attigue con scariche da 70, 80, persino 90 decibel, sino a ben oltre la mezzanotte (valori, per di più, rilevati lontani almeno 200 metri dal perimetro che delimita la kermesse e per mano dei residenti stessi). Nei weekend, microfoni e amplificatori tacciono definitivamente solo verso le 12.40, ma dopo aver logorato gli inquilini già dal giovedì sera. E così, ogni anno, per tre lunghissime settimane. 

Esasperati, i residenti della zona sono ora sul piede di guerra: “Il problema è noto da tempo e abbiamo già interpellato tutte le autorità coinvolte – lamentano – ma ognuno fa spallucce e attribuisce sempre il disagio alla responsabilità di qualcun altro. Il parroco dice di aver semplicemente ereditato questa festa e di non conoscere a fondo le modalità con cui è stata organizzata negli anni; gli uffici comunali sono stati sollecitati a compiere verifiche attraverso l’invio di mail di protesta, ma anche su sollecitazioni in incontri di persona, salvo indirizzarci alla polizia dopo diversi tentativi senza risposta; i vigili dicono di non avere competenza in merito agli standard acustici; il sindaco fa finta di nulla e ci prende per guastafeste”.

Eppure, proprio nel giugno dello scorso anno, la giunta leghista era apparsa alquanto sollecita nel “silenziare” il Comune, approvando un documento di disciplina acustica che metteva il bavaglio a qualsiasi iniziativa musicale giovanile in paese, riservandosi il diritto insindacabile di concedere deroghe a chi volesse. Non a caso, la ferrea disciplina imposta agli spazi ricreativi di Villa Monguzzi è sintomatica di uno squilibrio di trattamento che, come troppo spesso accade, pare predisposto in funzione di determinati interessi privati. I giorni di Fuori GP, a settembre, rappresentano poi un’ulteriore dimostrazione di come “suono” o “rumore” siano per la giunta Malegori parole interscambiabili, da usare come e quando si vuole. 

A nulla sono valsi i tentativi di rivalersi su persone o enti che, in qualche modo, potessero richiamare all’ordine gli scatenati habitué delle Cascine: l’intervento dell’architetto Emilio Cazzaniga, in quanto responsabile degli interessi della parrocchia, non ha sortito alcun cambio di direzione; la richiesta di verifiche sul campo inoltrata all’Arpa, incaricata di vigilare sui contesti in cui la quiete pubblica è messa a rischio dal punto di vista sanitario, ha prodotto solo rare uscite, stranamente in coincidenza di serate durante le quali “il volume della festa calava sensibilmente”. 

Risultato: le famiglie che abitano in zona Cascine sono costrette ad asserragliarsi in casa, tenendo chiuse le finestre a doppi vetri in piena estate, raddoppiando il volume della televisione, per poi rassegnarsi a prendere sonno, o a riposarsi, solo a notte fonda. Che la potenza di amplificazione della festa sia un problema non è però illazione dei soli residenti: già anni or sono il Comune di Lesmo aveva imposto agli organizzatori di ruotare le casse verso Biassono, dal momento che i propri cittadini si lamentavano per il disturbo prolungato. 

Ancor peggio, però, è la persistente e mancata verifica sull’opportunità di certi costi inerenti la kermesse: se da quest’anno è obbligatorio pagare un ticket di 5 euro per ballare in pista in determinati giorni, da tempo è invece consuetudine gettare colate di materiale antisdrucciolo sul campo da calcio dell’oratorio, per provvedere alla sua completa rimozione e al rifacimento del campo stesso non appena terminata la manifestazione. 

Mentre salamelle, patatine e calamari fritti trasudano alti valori culturali e aggregativi, tanto da scatenare corse selvagge verso i parcheggi più defilati - al pari d’inevitabili intoppi di traffico - in una chiesa vuota, inutilmente illuminata, S. Francesco ancor si chiede dove siano mai finiti tutti i suoi devoti fedeli.

  

14 commenti:

  1. basta passare in piazza Italia e verificare che quanto lamentato per la festa delle cascine avviene regolarmente ogni sera

    RispondiElimina
  2. Ieri sera in Comune di Biassono durante una riunione che sarebbe dovuta essere esclusivamente per analizzare la serata del fuori GP tra tutte le associazioni sportive, l’assessore Cesana ha messo in essere l’ennesimo scempio, confermandosi una persona maleducata, arrogante oltre che incompetente per il ruolo che ricopre.
    Nello specifico, una volta terminata la discussione sull’organizzazione dell’evento prima citato, il carissimo Cesana prima ha invitato il presidente del volley di Biassono ad andarsene (questo solo perché si era permesso educatamente di fare delle osservazioni) poi ha tenuto un vero e proprio attacco davanti a tutti i presenti verso il pattinaggio di Monza, dove dopo circa 30 minuti di vero massacro e solo dopo che alcuni dei presenti ha detto basta i toni si sono abbassati e la riunione è potuta terminare.
    Una vera vergogna, mi chiedo come sia possibile far gestire lo sport a una persona cosi arrogante!
    L’unica cosa che mi auguro, che il Signor Cesana lasci presto il ruolo di addetto allo sport…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo provi ad interloquire con gli altri membri della Giunta e si accorgerà presto che l'Assessore Cesana non è un eccezione..... come dire.... egli si trova in "buona" compagnia

      Elimina
    2. può darsi che il signor Cesana lasci presto il ruolo di "addetto allo Sport"...........ma magari per candidarsi a futuro Sindaco di Biassono (si vota nel 2016)!

      Elimina
  3. In diretta dal Consiglio comunale: ai residenti che si lamentano dello sforamento acustico, l'assessore Meregalli fornisce maleducamente la testuale soluzione: "andate a Lecco a mangiare il gelato".
    No comment

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ass. meregalli vs ass.cesana: un bel match !!!! Chi è il più arroganrte e maleducato?

      Elimina
  4. carlo Biassono25 luglio 2015 15:36

    Vivo da anni la festa delle cascine centro di ritrovo di gente che si vuole divertire a scapito di tanti invidiosi emarginati e diciamo un po sfigati che non hanno altro da fare che attaccare chi si diverte. I problemi sono altri...furti droga lavoro questi sono problemi veri non cazzate

    RispondiElimina
  5. Non si tratta di essere invidiosi né sfigati. Credo ci si possa divertire rispettando anche le regole ed il vicinato. A meno che, a Biassono, qualcuno sia più "uguale" di altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carlo Biassono26 luglio 2015 03:38

      Scrivete cose giuste la musica chiude regolarmente alle24 in settimana e alle 24,30sabato e domenica e chi lavora nella festa lo fa in modo gratuiti e per impegno sociale e per spirito di gruppo

      Elimina
  6. È esattamente quello che c'è scritto: "...nei week end microfoni e amplificatori tacciono definitivamente solo verso le 12,40 ...". Quello che non si capisce è perché il tutto debba avvenire in deroga ad ogni limite acustico (cosa che è severamente vietata in altre zone del paese). Per il resto, nessuno si è mai sognato di criticare impegno sociale o spirito di gruppo.

    RispondiElimina
  7. A questo punto , bisogna puntare i riflettori anche sulla Festa Campagnola, che causa gli stessi disagi

    RispondiElimina
  8. Per legge esistono delle deroghe temporanee apposta per gli eventi musicali. Il limite in questo caso dovrebbe essere 95dB in facciata (però su questo numero potrei sbagliarmi). Se la festa delle cascine ne è provvista è perfettamente in regola. Mi spiace per gli abitanti nei dintorni ma da un punto di vista legale non possono fare nulla in quel caso.

    RispondiElimina
  9. PS: la Festa Campagnola si svolge nel parco di Monza e quindi è sotto la giurisdizione del comune di Monza, non penso che listaperbiassono possa farci molto in ogni caso...

    RispondiElimina
  10. articoli degni di capitan ventosa

    RispondiElimina