Diceva il conte Verri...

"La voce della verità comincia da lontano a farsi ascoltare, poi si moltiplicano le forze, e la opinione regina dell'universo sorride in prima, poi disputa, poi freme, poi ricorre alle arti, poi termina derisa: questo è il solito gradato passo che fa la ragione a fronte dell'opinione" (Pietro Verri)

giovedì 29 novembre 2018

GP Village, un vero affare!

-->
Il Comune di Biassono ha uno spiccato fiuto per gli affari. Lo dimostrano i soldi incamerati attraverso la base d'asta con cui, ogni anno, vengono concesse temporaneamente aree comunali a uso parcheggio e campeggio esclusivo, in occasione del Gran Premio di Formula 1La base d'asta, anche quest'anno, è rimasta ferma ad euro 20mila, con rialzo minimo di euro 1.000. Come al solito, è pervenuta un'unica domanda di partecipazione alla gara e, come al solito, la società Cooperativa Posteggiatori Riuniti Milanese Scrl si è aggiudicata la gara con un'offerta di euro 20.500 (!). 
Tanto? O troppo poco? Analizzando le cifre nel dettaglio, possiamo capire meglio l'effettivo valore delle aree concesseGiova infatti rilevare che, oltre alle aree suddette, a Biassono esistono altre aree pubbliche gestite a parcheggio (e non anche a campeggio) nei giorni della manifestazione sportiva.

Si tratta di quelle di: Via Trento e Trieste, angolo Via delle Industrie; Via degli Artigiani; Via Locatelli; Via De Gasperi; Via Europa; Via dell'Olmo, angolo Via dei Gelsi; Via Padania, escluso lato immobili residenziali; Via Friuli; Via Emilia; Via dei Gelsi.
Aree, queste, gestite tutte da Monza Mobilità Srl in virtù di specifica convenzione per la sola durata dell'evento, eventualmente estesa ad un giorno prima ed un giorno dopo, previo pagamento di un canone corrispondente al 25% degli introiti percepiti dalla vendita dei biglietti di parcheggio. 

Con Determinazione n.477 del 15.10.2018, il Settore Patrimonio ha accertato l'entrata del canone di concessione temporanea di tali aree sulla scorta del prospetto riepilogativo fornito dalla società Monza Mobilità.

Corrispettivo lordo venduto: euro 71.100
-->
Quota 25% competenza Comune di Biassono: euro 17.775 (!) 
Quasi quanto introitato dalla concessione delle aree del GP Village, più estese ed adibite non solo a parcheggio, ma anche a campeggio. E non solo per i giorni della manifestazione sportiva ma, come detto, per 5 giorni prima e 3 giorni dopo l'evento.
Sorgono spontanee almeno due domande:
Perché la concessione delle aree GP Village è effettuata A CORPO e NON A MISURA?
-->
Perché per lo stesso evento sportivo l'Amministrazione leghista adotta sul proprio territorio DUE DISTINTI E DIVERSI CRITERI DI CONCESSIONE? 

Il tema della valorizzazione delle aree di proprietà comunale da destinare a campeggio e parcheggio in occasione del Gran Premio di Formula Uno, infatti, è da sempre  al centro delle attenzioni di Lista per Biassono.
Facciamo dunque il punto sull'intera questione.
Dal 1° febbraio 2001, e per un decennio, la gestione di gran parte delle aree comunali da destinare a parcheggi e campeggio, in occasione di manifestazioni sportive, è stata disciplinata da apposita Convenzione che concedeva a Sias - la società che gestisce l'autodromo - il diritto di superficie "in totale autonomia di forma e di determinazione di tariffe di accesso" (in maniera esclusiva fino a 7 giorni precedenti e 5 giorni successivi a quello di gara).
Tale Convenzione, scaduta il 31 gennaio 2011, veniva prorogata da nuovo Accordo, a sua volta scaduto il 30 gennaio 2013. Accordo non più rinnovato, né rinnovabile, in conseguenza della modificata destinazione delle aree di proprietà comunale dovuta all'adozione del nuovo PGT.
Come venire incontro alle esigenze di Sias considerato che, da tale data, le richieste risultavano "urbanisticamente incompatibili" con le destinazioni di zona disciplinate dal Piano delle Regole del PGT?
Sopperisce la fantasia delle amministrazioni leghiste in termini di "finanza creativa".
Si parte (anno 2013) con un'Ordinanza contingibile ed urgente, per scongiurare "il rischio concreto di un danno grave ed imminente per l'incolumità pubblica e l'igiene".
Risultato: il Sindaco Piero Malegori ordina a Sias.....di procedere all'allestimento del campeggio su di un'area pubblica di mq.46.110. Ovviamente senza alcun introito per le casse comunali.
Alle veementi rimostranze di Lista per Biassono, questa la motivazione fornita dal Comune: "l'area è sottratta dalla disponibilità economica per espressa destinazione di zona disciplinata dal vigente PGT. L'utilizzo come area campeggio nello scorso settembre è avvenuto, in via eccezionale, solo mediante il ricorso ad ordinanza sindacale contingibile ed urgente e che, evidentemente, per sua natura non poteva prestarsi ad alcuna valutazione o parametrazione monetaria". (sic!).
Lista per Biassono sollevava con largo anticipo la questione della valorizzazione delle aree comunali anche in occasione dell'edizione 2014 del Gran Premio di Formula Uno.
Risposta: "è in predisposizione una strategia amministrativa più conforme alla normativa vigente e che prevede la sottoscrizione di un atto di concessione temporaneo ed eccezionale delle aree storicamente destinate a campeggio e a parcheggio".
Risultato: non cambiò nulla; l'eccezionalità e la temporaneità diventano la norma e le aree vengono cedute senza introiti anche per quell'anno.
Proteste di Lista per Biassono e risposta dell'Amministrazione: "l'area di  mq 46.110 è censita al Catasto terreni del Comune di Biassono come area agricola e per tale tipologia di bene disponibile non si possono applicare le regole di calcolo per aree definite suolo pubblico".
E' solamente a partire dal 2015 che, all'interno dell'Amministrazione leghista, si riesce ad insinuare il principio che l'utilizzo delle aree di proprietà comunale devono portare ad una remunerazione economica a favore dell'Ente.
Nel bando di gara per la concessione temporanea di aree comunali ad uso parcheggio e campeggio esclusivo (fino a 334 camper e fino a 1.336 utenti a vario titolo), in occasione dell'edizione 2015 del Gran Premio, viene fissata una base d'asta pari ad euro 30.000 con rialzo minimo di euro 1.000.
Si aggiudica la gara la società Cooperativa Posteggiatori Riuniti Milanese Scrl, con un'offerta di euro 35.000 per la concessione temporanea di mq.59.979: l'area del GP Village oltre a quelle di Via Parco (Centro Sportivo e vicinale della Sciavatera).
Per l'edizione 2016, invariata la superficie, la base d'asta viene fissata ad euro 35.000, con rialzo minimo di euro 1.000. Arriva una sola domanda di partecipazione alla gara, e la società Cooperativa Posteggiatori Riuniti Milanese Scrl si aggiudica la concessione temporanea (5 giorni prima e 3 giorni dopo l'evento sportivo) con un'offerta di euro 36.543.
Edizione 2017: scende lievemente la superficie delle aree comunali oggetto di concessione (da 59.979 a 57.337mq). Si riduce considerevolmente la base d'asta (da 35.000 a 20.000 euro). Perviene una sola domanda di partecipazione e la solita Società si aggiudica la gara con un'offerta di euro 21.050.
E siamo ai giorni nostri, edizione 2018, con i dati di cui si è detto in apertura. Tirando le somme, nonostante timidi tentativi di raddrizzare il problema, è evidente che Biassono non riesce a far fruttare adeguatamente le ricchezze di cui dispone.  
Crediamo ce ne sia abbastanza affinché il Consiglio Comunale regolamenti l'intera materia una volta per tutte!   


--> --> --> -->

1 commento:


  1. Salve
    Siamo un gruppo finanziario privato. Concediamo il prestito da 2.000 € a 200.000 € al massimo e senza busta paga se sei un libero professionista, uno studente universitario,una casalinga o un disoccupato, con e senza garanzie alternative alla busta paga.
    Contattaci via e-mail per maggiori informazioni: ambrosinigisele@gmail.com

    RispondiElimina