Diceva il conte Verri...

"La voce della verità comincia da lontano a farsi ascoltare, poi si moltiplicano le forze, e la opinione regina dell'universo sorride in prima, poi disputa, poi freme, poi ricorre alle arti, poi termina derisa: questo è il solito gradato passo che fa la ragione a fronte dell'opinione" (Pietro Verri)

sabato 1 maggio 2021

Regolamenti comunali: come darsi la zappa sui piedi

I compromessi non fanno mai bene alla politica, soprattutto quando occorre adottare regolamenti che intendano supportare progetti innovativi come la trasmissione audio e video dei consigli comunali, o l'istituzione degli orti urbaniNuova conferma è arrivata proprio ieri sera, al termine della seduta in Villa Verri che, dopo lunghi mesi, ha riportato al confronto dal vivo i rappresentanti delle forze politiche di Biassono. 


Un ritorno dai contorni sempre più surreali: entrata in municipio condizionata dal riconoscimento facciale e dalla misurazione della temperatura corporea, quindi sterilizzazione delle mani e presa di posizione nell’apposito stallo creato per il banco consiliare, diviso da pannelli semi-trasparenti per evitare la circolazione laterale del respiro dei consiglieri (benché tenuti ad indossare una mascherina facciale e nonostante la sala fosse areata dalle finestre aperte, oltre che sanificata dall’uso di un depuratore antibatterico). Il Covid19 ci abitua sempre più a scene da allevamento intensivo. 


Le prime avvisaglie di incomprensione fra maggioranza e opposizioni sono emerse proprio durante la valutazione del “Regolamento per le trasmissioni audiovisive del consiglio comunale”, discusso per mesi in commissione consultiva, dopo un travagliato percorso di riconoscimento che risale addirittura al 2012: anno in cui Lista per Biassono presentò la prima mozione per favorire una maggior pubblicità delle sedute in Villa Verri, inizialmente bocciata dalla maggioranza, per essere poi ripresa ed approvata alle condizioni della Lega Nord. Una strategia messa in atto anche con il progetto degli orti comunali, la cui istituzione era stata chiesta tramite mozione da Lista per Biassono nell’ormai remoto 2014. 


TEMPI LUNGHI PER LO STREAMING 

Alla luce dei complessi sviluppi della comunicazione digitale, il regolamento per le trasmissioni punta a bilanciare sia le esigenze di pubblicità, sia quelle di tutela dei dati sensibili, prevedendo però tempi d’applicazione che potrebbero spingersi oltre il mandato dell’attuale amministrazione. L’adeguamento delle attrezzature e dei sistemi tecnologici comunali, infatti, dovrà essere effettuato entro 6 mesi, potenzialmente a ridosso del periodo in cui Biassono sarà chiamato al voto (sempre che l’emergenza Covid19 non spinga a posticipare ulteriormente le elezioni amministrative, già slittate da maggio 2021 a ottobre 2021). L’articolo 5, che permetterà la trasmissione in streaming sul web e/o la registrazione digitale della seduta, rendendola disponibile sul sito del Comune nei 12 mesi successivi, implica un’attenta valutazione dei mezzi di diffusione e archiviazione. La pubblica amministrazione, infatti, non può permettersi di cedere diritti d’uso a terzi non regolamentati, sia che si tratti di giornalisti, cittadini privati o, soprattutto, di società tecnologiche come Zoom, Youtube o Facebook che mettono a disposizione le proprie piattaforme, a patto di detenere e usare per proprie finalità quanto viene divulgato. In tal senso, è fondamentale che il Comune si doti di propri server e di spazi digitali sotto il suo diretto controllo, o di società che accettino le misure di sicurezza della pubblica amministrazione. 


Nell’ottica di una massima tutela da fenomeni di discrezionalità, Lista per Biassono ha ottenuto anche che il testo del regolamento fosse emendato nel passaggio riferito alle competenze del Presidente del Consiglio Comunale. Il passaggio che riporta la possibilità di sospensione delle riprese - “ove (il presidente) ravvisi che le modalità di svolgimento dell’attività autorizzata arrechino pregiudizio al normale svolgimento della seduta consiliare” - è stato modificato sostituendo il termine “consueto” a “normale”, in modo tale da aver un riferimento tradizionale e abitudinario, anziché soggettivo, su come si debbano svolgere le sedute. Per quanto riguarda l’articolo 9 dedicato al rilascio delle interviste, non è stata invece accolta la richiesta di LpB di prevedere in ogni seduta uno spazio che consenta ai capogruppo di essere video-intervistati all’inizio del consiglio comunale, spiegando in pochi minuti e con parole semplici le proprie posizioni sui temi caldi all’ordine del giorno (così da facilitare la comprensione del  pubblico quando si affrontano temi con inevitabili tecnicismi amministrativi).


LA ZAPPA SUI PIEDI

La situazione è invece precipitata in occasione del successivo “Regolamento per la concessione degli orti urbani su terreni di proprietà del Comune di Biassono”. Il testo in esame è apparso subito il risultato di un faticoso compromesso fra due tendenze: da una parte, il tentativo di valorizzare gli orti comunali come risorsa per lanciare progetti di agricoltura innovativa, con possibilità di sperimentare la messa a coltura di specie rare, prodotti tipici del territorio, adozione di tecniche di coltivazione più complesse e creazione di una rete di interazione capace di sostenere economicamente il progetto stesso; dall’altra, la volontà di mettere a disposizione lotti di terra (di pochi metri quadrati e in prossimità del vigneto comunale), con finalità di aiuto alimentare alle famiglie biassonesi, ma soprattutto agli anziani, seguendo però un approccio amatoriale-hobbystico


Una contraddizione espressamente denunciata da Lista per Biassono già in sede di commissione che, tuttavia, non ha portato le altre forze consiliari a riconsiderare il lavoro fatto, presentando sui tavoli di Villa Verri un documento più chiaro negli intenti e nelle modalità organizzative. Nessuna sorpresa, dunque, se diversi tentativi di emendare il testo siano stati avanzati prima dal consigliere Domenico Dosa di Biassono Civica, poi dall’assessore Sergio Motta, dando adito quest’ultimo anche a un contenzioso sul proprio mancato rispetto dei tempi previsti per la presentazione degli emendamenti (in particolare, la scelta di rimuovere i criteri di reddito per l’assegnazione dei lotti e privilegiare la fascia anziana). Posto che, su conferma della segretaria comunale, entrambe le proposte si sarebbero potute discutere e mettere ai voti durante la sessione, le diverse chiavi di lettura insite nel testo hanno infine spaccato gli schieramenti in campo


Dopo una pausa di confronto, il Presidente del Consiglio Comunale ha abbandonato i lavori, spingendo la maggioranza a ritirare il punto d’approvazione del regolamento, con voto d’astensione delle opposizioni. A pagarne le conseguenze, ancora una volta, saranno i cittadini biassonesi, che dovranno attendere gli esiti di un lavoro di limatura che si preannuncia ancora ostico e che, forse, sarebbe semplificato da una mappatura delle esigenze presenti sul territorio.


IL REFERENDUM PROIBITO

Tempi in ogni caso più ridotti rispetto alla vera priorità che aveva spinto, nel 2016, all’istituzione della commissione: l’adozione del regolamento per i referendum consultivi del Comune di Biassono, previsto per Statuto e rispetto al quale Biassono è inadempiente dal 2004. Proprio oggi che il progetto Pedemontana torna a incombere sul nostro territorio, con effetti devastanti per le ultime aree verdi libere e i movimenti ambientalisti dell’intera Brianza si preparano a una grande manifestazione di dissenso, il referendum sarebbe stato indispensabile per garantire un futuro vivibile al nostro Comune. Trascorsi ormai cinque anni e a fine mandato, la giunta ha invece dimostrato che gli obblighi dello Statuto di Biassono sono discrezionali rispetto agli interessi della maggioranza.  


ADDIO ALLA SCUOLA ELEMENTARE DI S.ANDREA 

Il consiglio comunale di ieri, però, ha confermato anche la volontà di procedere verso l’abbattimento della scuola elementare Martin Luther King, a favore della creazione di un nuovo polo nella congestionata area di via Locatelli. I 320mila euro di fondi pubblici (statali e regionali) che l’amministrazione comunale potrà investire nell’efficientamento energetico e nello sviluppo sostenibile - purché i lavori siano aggiudicati entro il prossimo settembre - saranno destinati alla sostituzione dei serramenti delle scuole medie di via Locatelli. Un buon risultato, ma alquanto discutibile. Se gli interventi sulle scuole biassonesi rappresentano una priorità, colpisce che non siano mai messi a disposizione per un rilancio di ampio respiro della struttura scolastica “più sostenibile” dell’intero Comune. Per le sue caratteristiche architettoniche e logistiche, in primis la contiguità al Parco di Monza, la scuola elementare di S. Andrea presenta infatti eccezionali opportunità di  trasformazione in un modello “green” certificato, dando modo di intercettare importanti fondi messi a disposizione anche dall’Unione europea. Al contrario, l’assessore all’Urbanistica Alessio Anghileri punta a un semplice adeguamento sismico - ma di “spesa consistente” - attraverso fondi extra-comunali, in attesa di poter abbattere quanto prima l’edificio e costruire un nuovo polo scolastico in via Locatelli. Come dire, soldi ridotti in polvere. 


Proprio come i diritti dei lavoratori in questi tempi di neo-liberismo selvaggio. 


Ma oggi e domani, è sempre 1° maggio.



 

5 commenti:

  1. Procedere alla demolizione della Scuola elementare di via S.Andrea anziché rigenerarla con un intervento di ristrutturazione ed efficientemente energetico, è la più insensata e stupida decisione che la mente dell'assessore Anghileri possa mai aver concepito, dopo naturalmente la caparbia volontà di cementificazione con ben 90.000 mq di nuovi e inutili capannoni gli ultimi 30 ettari di suolo naturale dell'ATR1.
    La logica che muove questi progetti scellerati è sempre la stessa. Cioè favorire la speculazione edilizia di imprenditori immobiliari privati a scapito degli interessi della collettività.
    Infatti, la scuola di S.Andrea è un autentico capolavoro di architettura moderna che al momento della realizzazione fu pubblicata su molte riviste specializzate e visitata da delegazioni internazionali proprio per il suo innovativo funzionalismo e il nuovo linguaggio formale che ne ha segnato il carattere d'avanguardia nella storia dell'architettura non solo lombarda.
    Questo capolavoro, ideato dall'architetto Paolo Favole, è entrato di diritto nel patrimonio storico-architettonico del nostro comune e deve assolutamente essere sottoposto a tutela per impedirne l'abbattimento e la sua perdita irreversibile.
    Non è in alcun modo ammissibile che venga sacrificato per consentire la costruzione di nuova residenza nel suo ambientalmente pregiato sedime fronte parco.
    Occorre, pertanto, una forte mobilitazione dei cittadini e delle forze politiche e culturali per fermare questa ennesima follia concepita da un amministratore del tutto incoscente, privo di un minimo di cultura e inadeguato per gestire le delicate trasformazioni urbanistiche dei prossimi anni.
    Fermiamo questo atto scellerato e pianificato in nome di chissà quali opachi interessi, prima che sia troppo tardi!
    Arch. Giorgio Beretta
    Circolo Legambiente Biassono.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Sono così orgoglioso e felice di essere qui per condividere questa straordinaria testimonianza, meravigliosa e straordinaria, non riesco a credere che ora il mio ex marito sia qui con me a implorare per tutte le sue azioni sbagliate, dicendomi quanto si sentisse vuoto per tutto il tempo era via, mi ha lasciato e mi ha fatto tanto male dopo un divorzio avvenuto 5 mesi fa. E tutto questo miracolo è successo subito dopo aver contattato il dottor Egwali per chiedere aiuto, sono la donna più felice del mondo oggi direi di averlo di nuovo al mio fianco. È un miracolo per me e la mia famiglia ed eterno piacere e allegria. Sono così felice ora e non so quanto esprimere la mia gratitudine e apprezzamento al Dr.Egwali. Lo consiglio vivamente se hai bisogno di aiuto immediato in quanto è garantito.
    Inviagli un'e-mail oggi /dregwalispellhome@gmail.com o tramite
    WhatsApp: +2348122948392

    RispondiElimina


  4. A causa del COVID-19 ho perso tutto e grazie a dio ho ritrovato il mio sorriso ed è stato grazie al signore Pierre Michel, che ho ricevuto un prestito di 65000€ e due miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti da quest'uomo senza alcuna difficoltà. È con il signore Pierre Michel, che la vita mi sorride di nuovo: è un uomo semplice e comprensivo. Ecco la sua E-mail : combaluzierp443@gmail.com    

    E-mail : combaluzierp443@gmail.com

    E-mail : combaluzierp443@gmail.com

    RispondiElimina
  5. HOW I GOT MY EX HUSBAND BACK WITH THE HELP OF REAL AND EFFECTIVE SPELL FROM DR Owo. I never thought I will smile again, My husband left me with two kids for 5 year, All effort to bring him back failed I thought I'm not going to see him again not until I met a lady called Lisa who told me about a spell caster called Dr Owo , She gave me his contact: drowoherbs@gmail.com I contacted him and he assured me that within 48hours my husband will come back to me, In less than 48hours my husband came back started begging for forgiveness saying it is the devils work, so I'm still surprise till now about this miracle, i couldn't conceive but as soon as the priest pray for me, i became pregnant and gave birth to my third child, My heart is filled up of happiness to share my life marriage and relationship story with you over here. If you need any assistance from him you can contact him via: drowoherbs@gmail.com

    RispondiElimina