Diceva il conte Verri...

"La voce della verità comincia da lontano a farsi ascoltare, poi si moltiplicano le forze, e la opinione regina dell'universo sorride in prima, poi disputa, poi freme, poi ricorre alle arti, poi termina derisa: questo è il solito gradato passo che fa la ragione a fronte dell'opinione" (Pietro Verri)

giovedì 22 marzo 2012

COMMISSIONI FANTASMA

Lo scorso 29 novembre 2011, il Sindaco annunciava l’istituzione di alcune commissioni consultive; erano nel programma della Lega Nord e, forse anche per questo motivo, ha preso i voti ed è stato eletto: niente da eccepire, se non forse che Lista per Biassono stessa le stesse reclamando già da 15 anni, visto la loro precedente abolizione proprio per mano della Lega Nord. 
Alla seduta del 28 febbraio 2012 il Sindaco si scusava però per il ritardo nell’attivazione, dovuto ad un accertamento sull'eventuale gettone di presenza ai membri e prometteva il varo delle commissioni il prima possibile.
Siamo a fine marzo, altri due consigli comunali hanno tenuto banco (in data 1° marzo e 15 marzo), ma delle commissioni non c’è traccia.
Eppure se si va a leggere il regolamento Comunale a riguardo, il testo prescrive: 
……
TITOLO III – LE COMMISSIONI
CAPO II – Commissioni consultive
…..
Art. 40 - Composizione
…..

3. Di norma le commissioni consultive sono composte da due Consiglieri Comunali, uno effettivo ed uno supplente, per ogni Gruppo Consiliare. I Capigruppo, entro il termine di trenta giorni dalla decisione di costituzione della commissione, comunicano alla segreteria del Comune i nominativi dei propri rappresentanti in seno alla commissione stessa. In caso di mancata designazione si considera designato il Capogruppo.

4. Il Consiglio Comunale, in occasione della prima seduta utile, prende atto della composizione della commissione.
……

Art. 41 – Insediamento

1. Entro 30 giorni dall’atto di cui al comma 4 del precedente articolo, il Sindaco Borgomastro, con avviso scritto da comunicare ai commissari provvede alla convocazione della commissione per il suo insediamento.

Il Regolamento è chiaro e non lascia dubbi all’interpretazione: avendo i gruppi consiliari comunicato prima delle feste natalizie i nomi dei propri rappresentanti, alla prima seduta utile , avvenuta il 28 febbraio 2012 il Sindaco DOVEVA prendere atto della composizione delle commissioni ed ENTRO 30 giorni (Febbraio) convocarle.

In democrazia si usa delineare in modo preciso doveri e diritti dei cittadini e dei loro rappresentanti con leggi e regolamenti;  tutti sono tenuti a rispettare le regole generali senza prevaricare nessuno in modo appunto democratico.

Anche Biassono si è dotata nel tempo di regolamenti per il funzionamento delle istituzioni, di Villa Verri in particolare: sono consultabili da tutti sul sito del Comune (clicca qui).


Sorgono allora spontanee alcune domande: 

vuoi vedere che la Lega ha inserito nel suo programma l’istituzione delle commissioni che aveva abolito tanti anni fa solo per prendere più voti?

A cosa servono i regolamenti, se poi non sono rispettati dalla giunta?

Vuoi vedere che sono stati fatti solo per rimarcare i doveri delle opposizioni e bloccare la discussione sulle loro mozioni?

Lasciamo ai lettori/elettori giudicare questi comportamenti.

1 commento:

  1. Alessandro Meregalli22 marzo 2012 11:38

    Ma quante domande, troppe! Non attribuiamo lor tutto questoo valore. Il problema commissioni era stato sollevato più e più volte negli anni addietro e hanno pensato di mettere in programma la loro (re)istituzione per non sentirsi dire che non ereano sensibili alla questione. il problema vero è che non hanno nessuno da mettere nelle commissioni! e quesste continueranno ad essere solo una previsione dello statuto di Biassono.

    RispondiElimina